Bolle sul web

Da Tematiche di genere.
Jump to navigation Jump to search

(40 secondi di lettura)

Social complexity, storia1.png

Un tema di grande interesse nella comunità scientifica, è lo studio della dinamica delle opinioni. Un modello innovativo è stato proposto da un gruppo di fisici. Esso descrive la situazione in cui un utente naviga attraverso sorgenti di informazione interconnesse: per esempio, un utente vuole informarsi sull’efficacia dei vaccini e decide di navigare su internet saltando di sito in sito. Alcuni siti sono affidabili mentre altri diffondono fake-news. Quanto sarà capace di distinguere i siti affidabili da quelli fasulli?

Social complexity, storia1b.png

Nel modello si assume che se la sorgente di informazione A è connessa alla sorgente B (perché A parla di B, per esempio), allora l’opinione si propaga da A a B secondo queste semplici regole: se l’utente si fida di A, e A si fida di B, allora anche l’utente si fida di B; se l’utente non si fida di A e A si fida di B allora l’utente non si fida di B; e così via.

Ciò è ben descritto da un “signed network”, ovvero un network in cui i nodi sono le sorgenti di informazione, e i links tra le sorgenti possono avere un segno “+“ se tra le due sorgenti c’è fiducia, o un “-“ altrimenti.

Tuttavia, a causa di esternalità “disturbanti” (come una propaganda ingannevole), tali regole non valgono sempre: maggiore è il disturbo esterno e maggiore è la probabilità che siano violate.

L’utente, partendo da una sola sorgete d’informazione, propaga la sua opinione su tutto il network saltando di nodo in nodo e decidendo di quale fonte fidarsi e di quale no. Se il disturbo esterno è nullo, allora le opinioni dell’utente saranno tutte corrette. Ma il modello mostra che anche un livello molto basso di disturbo esterno riduce drasticamente le nostre capacità di riconoscere le sorgenti affidabili da quelle fasulle.

In sostanza: in situazioni in cui il disturbo esterno è alto, come durante le elezioni politiche, la nostra capacità di discernere tra fonti affidabili e fasulle è bassissima!

Ovviamente questo è un modello molto semplificato che non tiene conto della reale complessità del mondo, ma è un buon punto di partenza.

Che ne pensate?

Fonte: https://www.nature.com/articles/s42005-021-00579-3

#network #complexscience #sociology

Social complexity, storia1c.png

Credits: Social complexity

Libri sull'argomento[modifica | modifica sorgente]

The Filter Bubble: What The Internet Is Hiding From You - Eli Parisier

Vedi anche[modifica | modifica sorgente]

Paradossi di Simpson e Monty Hall

Fuori dalle bolle, The Good Lobby - https://www.thegoodlobby.it/eventi/fuori-dalle-bolle/