Panico morale e Diavoli popolari

Da Tematiche di genere.
Jump to navigation Jump to search
La caccia alle streghe era un esempio di comportamento collettivo alimentato dal Panico morale. Stampa tedesca del 1555 (da Wikipedia).

Panico morale e Demoni popolari in italiano, Folk Devils and Moral Panics in inglese, è un libro di Stanley Cohen[1], sociologo e criminologo inglese. Link al libro: Demoni popolari e panico morale.

Panico morale[modifica | modifica sorgente]

Il panico morale (in inglese Moral panic) è una forma di panico collettivo ingiustificato su una questione ritenuta da molte persone una minaccia o un pericolo. Tale fenomeno viene spesso causato da notizie più o meno distorte a scopo sensazionalistico dai vari media. Esso può derivare da un'esposizione sproporzionata di un fenomeno reale o fittizio.

I panici morali dipingono spesso un diavolo popolare caricaturale e/o stereotipato su cui si sfogano le ansie e i problemi della comunità (vedi anche capro espiatorio), come è stato descritto dal sociologo Stanley Cohen nel suo libro Demoni popolari e panico morale nel quale esaminava la copertura da parte dei media delle rivolte tra le subculture di Mods and Rockers negli anni '60.

Demoni popolari[modifica | modifica sorgente]

Il diavolo popolare è una persona o un gruppo di persone che sono ritratte nel folklore o nei media come devianti (cattivi, vedi anche capro espiatorio e devianza (sociologia)) e che sono accusati di crimini vari.

L'inseguimento dei diavoli popolari si intensifica spesso in un movimento di massa chiamato panico morale . Quando il panico morale è in pieno svolgimento, i diavoli popolari sono oggetto di campagne di ostilità vagamente organizzate ma pervasive attraverso pettegolezzi e la diffusione di leggende metropolitane. I mass media a volte entrano in scena o tentano di creare nuovi diavoli popolari nel tentativo di promuovere polemiche. A volte la campagna contro il diavolo popolare influenza la politica e la legislazione di una nazione.

Esempi di panico morale e demoni popolari[modifica | modifica sorgente]

L'amore bugiardo - Gone Girl

Brevi riassunti / prefazioni del saggio[modifica | modifica sorgente]

Foto della recensione del libro di Cohen sul messaggero - credits mimesiedizioni

L'accurato studio di Cohen analizza come nell'Inghilterra degli anni Sessanta la devianza dei Mods e dei Rockers è stata affrontata dalle autorità e dai media. Spesso questi fenomeni hanno generato reazioni di cosiddetto “panico morale”, alimentando leggende metropolitane e forti pregiudizi nei confronti dei nuovi giovani. Cohen contribuisce a ricostruire l'immagine della devianza nella comunicazione di massa, fornendoci un modello di fondamentale importanza per lo studio delle sottoculture ma anche di fenomeni ben più recenti (dal terrorismo all'immigrazione), che a un tratto squarciano la routine del quotidiano e innescano l'interesse ossessivo dei media.

Mod e Rockers, skinhead, video nasty, droghe firmate, finti richiedenti asilo e felpe con cappuccio. Ogni epoca ha i suoi panici morali. Fu il racconto classico di Stanley Cohen, pubblicato per la prima volta nei primi anni '70 e regolarmente rivisto, a portare il termine "panico morale" in una discussione diffusa. È un'indagine eccezionale sul modo in cui i media e spesso coloro che occupano una posizione di potere politico definiscono una condizione, o un gruppo, come una minaccia ai valori e agli interessi della società. Alimentato da titoli dei media urlanti, Cohen dimostra brillantemente come questo porti a tali gruppi di essere emarginati e diffamati nell'immaginario popolare, inibendo il dibattito razionale sulle soluzioni ai problemi sociali che tali gruppi rappresentano. Inoltre, sostiene che il panico morale va anche oltre identificando le stesse linee di faglia del potere nella società. Pieno di intuizioni e analisi acute, Folk Devils and Moral Panics è una lettura essenziale per chiunque voglia comprendere questo fenomeno potente e duraturo.

  1. (Johannesburg, 1942 - Londra, 2013) è stato professore di Sociologia alla London School of Economics. Ha inoltre insegnato Sociologia all’Università dell’Essex e ha diretto l’Istituto di Criminologia dell’Università ebraica di Gerusalemme. Nel 1998 è stato nominato membro della British Academy.