Modifica di Prove a favore e contro il patriarcato

Jump to navigation Jump to search

Attenzione: non hai effettuato l'accesso. Se effettuerai delle modifiche il tuo indirizzo IP sarà visibile pubblicamente. Se accedi o crei un'utenza, le tue modifiche saranno attribuite al tuo nome utente, insieme ad altri benefici.

Questa modifica può essere annullata. Controlla le differenze mostrate sotto fra le due versioni per essere certo che il contenuto corrisponda a quanto desiderato, e quindi pubblicare le modifiche per completare la procedura di annullamento.

Versione attuale Il tuo testo
Riga 1: Riga 1:
{{S|}}
{{S|}}
Sto cercando di indagare sulle prove a favore e quelle contrarie al "Patriarcato". Il ragionamento si concentra nel rispondere a un interlocutore aggressivo o passivo-aggressivo, comunque poco collaborativo o ostile, che sostiene che la propria condotta sia giustificabile a causa del privilegio maschile.
 
Stavo cercando di scrivere un post sulle prove a favore e quelle contrarie al "Patriarcato". Il ragionamento si concentra nel rispondere a un interlocutore aggressivo o passivo-aggressivo, comunque poco collaborativo o ostile , che sostiene che la propria condotta sia giustificabile a causa del privilegio maschile.


* Partite dal fatto che i mass media sensazionalizzano e i politici ci fanno campagna elettorale. Guardate quindi alla vostra esperienza quotidiana, domestica, degli amici, lasciate perdere ciò che credete di sapere.
* Partite dal fatto che i mass media sensazionalizzano e i politici ci fanno campagna elettorale. Guardate quindi alla vostra esperienza quotidiana, domestica, degli amici, lasciate perdere ciò che credete di sapere.
* Ad esempio sulla violenza domestica, gli stupri e i femminicidi la narrativa si è rivelata parecchio faziosa. Ellen Pence (l'ideatrice del Duluth Domestic Abuse Intervention Project) e Erin Pizzey (altra figura di spicco) sono alcune delle tante ad aver capito e ammesso gli errori nelle interpretazioni iniziali dei dati e dei racconti.
* Ad esempio sulla violenza domestica, gli stupri e i femminicidi la narrativa si è rivelata parecchio faziosa. Ellen Pence (l'ideatrice del Duluth Domestic Abuse Intervention Project) e Erin Pizzey (altra figura di spicco) sono tante ad aver capito e ammesso gli errori sul primo punto.  
* I DCA è vero, colpiscono soprattutto le donne, però sappiamo che la loro diffusione su vasta scala (quindi non parliamo di insorgenza nel singolo individuo, attenzione) sono legati ai modelli di bellezza proposti e molte ragazze non sono disposte a rinunciare alla competizione, pur sapendo che mietono 4000 vittime l'anno
* I DCA è vero, colpiscono soprattutto le donne, però sappiamo che la loro diffusione su vasta scala (quindi non parliamo di isnorgenza nel singolo individuo attenzione) sono legati ai modelli di bellezza proposti e molte ragazze non sono disposte a rinunciare alla competizione, pur sapendo che miete 4000 vittime l'anno
* Il machismo degli italiani è vero, però potrebbe essere dovuto in parte a frustrazione. Tutti i punti andrebbero studiati con la metodologia suggerita da Watzlawick per i sistemi con feedback (detti anche in retroazione)
* Il machismo degli italiani è vero, però potrebbe essere dovuto in parte a frustrazione. Tutti i punti andrebbero studiati con la metodologia suggerita da Watzlawick per i sistemi con feedback (detti anche in retroazione)
* Il fatto che gli italiani sbavino per il sesso credo sia una conseguenza dei valori cattolici. Sesso sporco = ragazze selettive = effetto scarsità. All'estero le ragazze sono più libere. Anche qui, l'analisi deve essere quantitativa, altrimenti si rischia di cadere in dicotomie e banalizzazioni. La biologia e la cultura si sommano come effetti.
* Il fatto che gli italiani sbavino per il sesso credo sia una conseguenza dei valori cattolici. Sesso sporco = ragazze selettive = effetto scarsità. All'estero le ragazze sono più libere.
* Che le donne lavorino meno spesso degli uomini è vero, ma ad esempio in tutti i casi che conosco è la donna a preferirlo e non gli crea assolutamente un problema. Anche la scelta di studiare materie che offrono meno sbocchi è una scelta.
* Che le donne lavorino meno spesso degli uomini è vero, ma ad esempio in tutti i casi che conosco è la donna a preferirlo e non gli crea assolutamente un problema. Anche la scelta di studiare materie che offrono meno sbocchi,
* Gli stereotipi sulle donne? In qualche misura possono avere un fondo di verità in certi casi? Mi spiego meglio.. le reazioni al caso di Greta Beccaglia quali giudizi causano sulle donne? Molte hanno sentito sminuita la gravità del fatto, ma è un minimizzare o un evitare di catastrofizzare? Insomma non sto parlando di colpe, ma l'eziologia di questi giudizi è legata a pregiudizi o è a valle dei comportamenti?
* Gli stereotipi sulle donne? In qualche misura possono avere un fondo di verità in certi casi?
 
*
Per favore tieni presente che tutti i contributi a Tematiche di genere si considerano pubblicati nei termini d'uso della licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo (vedi Tematiche di genere:Copyright per maggiori dettagli). Se non desideri che i tuoi testi possano essere modificati e ridistribuiti da chiunque senza alcuna limitazione, non inviarli qui.
Inviando il testo dichiari inoltre, sotto tua responsabilità, che è stato scritto da te personalmente oppure è stato copiato da una fonte di pubblico dominio o similarmente libera. Non inviare materiale protetto da copyright senza autorizzazione!
Annulla Guida (si apre in una nuova finestra)