Donne e conflittualità

Link all'articolo in inglese

Litigate per borse e lacrime nei bagni. Quando questa produttrice ha lanciato una compagnia televisiva per sole donne, pensava di aver detto addio al conflitto...

In un angolo sedeva Alice, una 27enne dalla mente forte che diceva sempre quello che pensava, indipendentemente da quanto potesse ferire qualcun altro. Nell'altro angolo c'era Sarah, un'altanatrice sui trent'anni che per un attimo si sarebbe difesa da sola, poi sarebbe scoppiata in lacrime e sarebbe scappata dalle signore.

La loro lotta ribollente è durata ore, incitata dagli spettatori che si schieravano e alimentavano la rabbia. A volte altre ragazze si univano a loro, insultando in modo aggressivo o rannicchiandosi sulla difensiva nei bagni. Potrebbe sembrare una scena di un reality show di cattivo gusto come il Grande Fratello, ma la verità è un po' più prosaica: era solo una normale mattinata nel mio ufficio.

Le donne velenose erano presumibilmente le dipendenti di talento a cui avevo dato la caccia alle teste per realizzare il mio sogno utopico: un'azienda per sole donne con lavoratori felici e armoniosi che beneficiano dell'assenza di uomini.

Era una visione idealistica rapidamente frantumata dalla realtà da incubo: amarezza costante, ormoni in aumento, emozioni incontrollate, ricerca di attenzioni e rivalità nella moda così feroce che ha fatto a pezzi il mio staff.

Quando ho letto l'altro giorno che Sienna Miller aveva detto che "la Sorellanza" non esisteva, ho capito cosa intendeva.

Posso capire perché le persone vogliono credere che le donne si prendano cura l'una dell'altra, perché con uomini al potere al lavoro e in politica, per noi ha senso restare uniti.

In effetti, c'è stato un tempo in cui ho creduto nella Sorellanza, ma è stato prima che le donne in guerra portassero alla mia rovina emotiva e finanziaria.

Cinque anni fa, lavoravo come produttore esecutivo televisivo realizzando programmi per i migliori canali come MTV e con sede a Los Angeles. Sembra un lavoro da sogno e avrebbe potuto esserlo, se fossi stato un maschio.

Lavorare in TV è notoriamente difficile per le donne. C'è una potente rete di vecchi ragazzi, un robusto soffitto di vetro e la maggior parte dei capi sono maschi misogini.

A poco a poco, quello che era iniziato come un sogno ad occhi aperti: non sarebbe fantastico se non ci fossero uomini dove ho lavorato? - trasformato in un concetto eccitante. Ho deciso di creare la prima casa di produzione tutta al femminile in cui donne intelligenti, intelligenti e orientate alla carriera potessero lavorare armoniosamente, libere dalla spavalderia dell'altro sesso.

Con il senno di poi, avrei dovuto imparare le lezioni del mio passato: nella mia scuola secondaria mista sono stata vittima di bullismo da parte di una banda di ragazze cattive e insultanti, quindi sapevo fin troppo bene come potevano diventare cattivi gruppi di donne.

E lavorando in TV, ho incontrato un sacco di "sbattitori di porte" super competitivi che avrebbero fatto di tutto per arrivare in cima. Ma mi dicevo che, con le donne giuste, il lavoro poteva essere meraviglioso.

Così, nell'aprile del 2005, ho lasciato il mio lavoro, ho ristrutturato la mia casa - liberando quasi £ 100.000 - e ho iniziato a pagarmi solo £ 700 al mese per avviare questa attività utopica. Avendo lavorato duramente per 12 anni, avevo molta esperienza e una buona reputazione. Cosa potrebbe andare storto?

Scegliere le mie battaglieModifica

Ho assunto un team di sette dipendenti e ho aperto un ufficio a Richmond upon Thames, nel Surrey. Mentre le donne che ho intervistato hanno affermato di essere entusiaste dell'idea, hanno comunque insistito per stipendi alti. Abbastanza giusto, ho pensato all'epoca: sono professionisti e sapevo che la maggior parte di loro aveva talento e coscienza perché avevo già lavorato con loro.

Ma nel giro di una settimana si erano sviluppate due cricche: quelle che avevano lavorato insieme prima e quelle che stavano producendo "nuove idee".

La maggior parte dei giorni portava un momento acuto in cui alcune persone venivano invitate a pranzo o una pausa caffè, e altre no. Non è mai stato detto nulla di esplicito; il rifiuto del taglio era abbastanza evidente.

Anche quando andavamo tutti al pub dopo il lavoro, rimanevano rigide divisioni, chiare a seconda di chi sedeva e dove intorno al tavolo e chi sarebbe stato civile - o meno - con chi.

La moda era un grande divisore, anche se in questo campo di battaglia ognuno era da solo. Per quanto orribilmente stereotipato e superficiale possa sembrare, i vestiti erano un'enorme fonte di commenti maligni, dalle osservazioni furbe sulle persone che sembravano troppo vestite ai meriti della loro applicazione di finta abbronzatura.

Mi sono sempre sentito dispiaciuto per chiunque mostrasse ingenuamente un nuovo acquisto in ufficio, perché tutti tubavano di apprezzamento in faccia e poi li criticavano duramente non appena erano fuori portata d'orecchio. Questo è successo senza eccezioni.

La mia vice, Sarah, la direttrice generale, ha mostrato per la prima volta quanto contasse lo stile quando ha fatto pubblicità per un'assistente d'ufficio e si è rifiutata di assumere la ragazza più qualificata perché non riusciva a distinguere Missoni da Marc Jacobs. Questa ragazza avrebbe preparato il tè e fatto commissioni. Ma non ho contestato la decisione di non assumerla perché avevo una politica di scegliere attentamente le mie battaglie.

L'ufficio era come una passerella di Milano, ma con la competitività di un concorso di Miss Mondo e la bassa astuzia di un incontro di lotta nel fango.

Un battibecco sulla moda ha posto fine a un'amicizia quando Sarah e la nostra giovane ricercatrice per lo sviluppo hanno ricevuto lo stesso regalo di Natale a sorpresa: una borsa Chloe Paddington del valore di £ 900.

Quando timbravano le borse abbinate in ufficio, era come sparare all'alba. Hanno forzato qualche complimento, ma i rapporti non si sono mai ripresi, a spese della mia compagnia.

Un'altra volta, quando due membri del personale hanno comprato gli stessi jeans, uno ha proclamato: "Mi staranno meglio, perché io sono una taglia otto e lei una dieci".

Non ci volle molto perché l'ufficio si dividesse tra le ragazze che si truccavano e quelle che non lo facevano. I commenti della prima erano in genere "Non sa cos'è la copertura spot?" o 'Ha mai incontrato una spazzola per capelli?', mentre il clan senza trucco era ugualmente pungente, con commenti - alle loro spalle, naturalmente - come 'La gente sull'autobus del mattino deve pensare che sia una prostituta'; o 'Sembra uno schiaffo'.

L'ossessione per l'apparenza significava che quasi tutto il personale era a dieta. Se comprassi una baguette alla maionese di tonno per pranzo, sentirei il personale commentare che sono un maiale: sono una taglia 12.

Due delle ragazze magre dicevano spesso in modo sprezzante riguardo alla ragazza più grande: "Se diventassi così grassa, mi ucciderei". Una delle assistenti si è vendicata per diverse settimane della polizia alimentare fingendo di comprargli del latte macchiato senza grassi. . . che erano davvero pieni di grasso.

I dipendenti hanno ritenuto accettabile prendersi una pausa per i trattamenti di bellezza e non l'indennità per ferie. Una ragazza arrivava regolarmente in ritardo perché si stava tingendo i capelli e quando l'ho menzionato è esplosa indignata. Anche se almeno aveva una ragione; la maggior parte si è presentata tardi a prescindere, e ha sbuffato "È ora che arriva il mio treno" se indicavo l'orologio.

Con il senno di poi, posso vedere che avrei dovuto essere più severo. Il mio idealismo è stata la mia rovina perché ho cercato di vedere il meglio nelle persone - ero convinto che si sarebbero comportati come venivano trattati, quindi ho trattato tutti con gentilezza.

Commenti sprezzantiModifica

Se fossi stato più cinico, avrei avuto più successo.

Ero spesso fuori a cercare di vincere contratti, ma in ufficio il lavoro era un ripensamento. È arrivato secondo alle conversazioni su shopping, fidanzati e diete - oh, e ai commenti dispettosi dei miei due ricercatori di sviluppo, che stavano affilando le unghie acriliche contro un altro membro dello staff, Natasha.

Sei mesi dopo l'inizio dell'azienda, le tensioni si sono estese quando uno dei ricercatori ha preso il laptop di Natasha e si è rifiutato di restituirlo. Quel giorno fui costretto ad annullare le mie riunioni ea tornare in ufficio per ricucire i rapporti.

Sebbene Sarah, il mio direttore generale, fosse presente, si è rifiutata di farsi coinvolgere perché non voleva essere il "poliziotto cattivo".

Nonostante fosse al comando, era spaventata dalla prospettiva di essere presa in giro: era come se, in un ambiente di sole donne, il personale non fosse in grado di mantenere i ruoli definiti.

Ben presto, le discussioni divennero all'ordine del giorno. Iniziava con commenti sprezzanti tra due persone, poi, mentre altri si univano, l'emozione e la rabbia crescevano fino a un'eruzione - urla, urla, imprecazioni - che lasciava sempre qualcuno in lacrime.

Poi gli amici della donna sconvolta l'avrebbero seguita per consolarla, lasciando un gruppo in ufficio e un altro gruppo nelle signore. Entrambi poi si lagnerebbero senza riserve l'uno dell'altro - e non farebbero assolutamente alcun lavoro.

È arrivato al punto che ho persino scritto un manuale per il personale su come essere gentili gli uni con gli altri. Il consiglio era incentrato sull'essere rispettosi verso tutti e sul trattare le persone allo stesso modo, accettando correttamente i messaggi telefonici sia che la chiamata fosse per me o per un giovane.

Ho anche detto che non dovrebbero esserci più critiche o sussurri in ufficio. Ma anche se quando le persone lo leggevano dicevano di amare l'idea, non faceva alcuna differenza.

Molte delle donne erano aggressive o sulla difensiva, o entrambe. I più aggressivi mascheravano una miriade di insicurezze con la loro natura estroversa, mentre quelli difensivi si aprivano solo quando provocati.

Il peggior tipo che ho incontrato, tuttavia, è stata la "passiva aggressiva: non sembra cattiva, ma è la peggiore del branco, che ti abbatte spietatamente in un modo così dolce e senza pretese che non ti rendi conto di cosa ha fatto finché molto tempo dopo l'evento.

Cuori spezzatiModifica

Nasconde le sue parole maligne in frasi fiorite - uno del mio staff ha detto dolcemente a un altro: "Non intendo essere una puttana, ma non riesco proprio a sopportare di essere nella stessa stanza e respirare la tua stessa aria in questo momento .'

Ma la forza più grande non era il tipo di personalità, erano gli ormoni. Quando una donna ha iniziato ad avere la fecondazione in vitro, ha scatenato la sua rabbia senza preavviso e senza scuse.

In "quell'ora del mese" - che in un ufficio con personale solo femminile significava che a quel punto c'era sempre qualcuno - qualsiasi malumore veniva rapidamente trasmesso al resto della squadra come per osmosi.

Gli ormoni sono arrivati ​​​​secondi come scusa per l'assenza e il cattivo umore solo per amare i problemi della vita. Quando una donna si è separata dal suo ragazzo, mi è stato detto senza mezzi termini che dovevo "essere super comprensiva e sensibile nei suoi confronti al lavoro" - in un'e-mail che mi ha inviato. Una vera regina del dramma, le sue lacrime sono andate avanti per una settimana.

Naturalmente, i suoi nemici in ufficio si rallegravano del suo cuore spezzato.

Un'altra ragazza, destreggiandosi tra due relazioni contemporaneamente, spesso preparava tutti in ufficio su cosa dire a chi ogni volta che uno degli uomini chiamava l'ufficio.

Un'altra donna aveva un vorace appetito sessuale e, in un ambiente riservato alle sole donne, non vedeva niente di sbagliato nello strillare i dettagli della stanza a pianta aperta delle sue sessioni di sesso maratona. Ho ricevuto frequenti lamentele sul suo linguaggio rozzo.

Ricordo ancora il nome di tutti i partner del mio staff e dei loro affari perché interferiva così spesso con il nostro lavoro.

Professionalmente, tuttavia, l'azienda era in qualche modo fiorente.

Ci siamo assicurati due commissioni per i programmi, una con ITV e una serie con Living TV, così abbiamo potuto permetterci nuovi uffici nella zona ovest di Londra.

Ma questo ha provocato un'altra esplosione da parte di Sarah quando ha pagato un permesso di parcheggio mentre un'altra ragazza ha ricevuto uno spazio libero dal padrone di casa dell'edificio.

Durante una massiccia lite, Sarah ha detto che la ragazza aveva oltrepassato il suo grado, mentre la ragazza le ha detto che era semplicemente "dura". Non hanno mai più parlato.

L'effetto che la mancanza di testosterone stava avendo nel nostro ufficio è stato ancora più evidente quando ho assunto temporaneamente due registi uomini per lavorare su una serie (gli operatori sono generalmente uomini a causa della pesante attrezzatura). La squadra è diventata improvvisamente più tranquilla, più laboriosa e meno stronza, in parte perché era troppo impegnata a flirtare.

Due ragazze hanno apertamente inseguito un regista, anche se aveva una ragazza convivente: il suo partner non aveva alcuna possibilità contro il loro flirt implacabile ed è stato scaricato quando una di loro ha vinto il suo affetto.

Quando abbiamo avuto incontri con gli uomini, il personale è diventato feroce, ciascuno per dimostrare di essere i più sexy nella stanza. Con un commissario maschio di Canale 4, un dipendente ha detto "Guarda questo!", poi si è infilato la mano sul reggiseno e si è massaggiato i capezzoli. L'uomo e io siamo rimasti senza parole.

In questo clima, non osavo assumere uomini a causa della distrazione e - peggio ancora! - combattimenti tra gatti che hanno creato. Odio quanto suoni come stereotipi, ma temo che sia ciò che ho scoperto essere vero.

E mentre sostengo la mia ragione iniziale per escludere i dipendenti uomini - perché hanno un giro facile in TV - se dovessi farlo di nuovo, assumerei sicuramente uomini. In effetti, probabilmente assumerei  uomini.

Guadagnare quasi mezzo milione nel nostro primo anno avrebbe dovuto significare profitto, ma questo è stato spazzato via da stipendi elevati ed errori contabili da parte del personale. Poi, quando abbiamo iniziato ad avere problemi di liquidità, Sarah si è dichiarata malata di stress per un mese. Ha anche confessato di aver evitato le chiamate di persone che avevano dovuto pagare, rovinando così la reputazione della mia azienda.

A quel punto ero avanti e indietro su un aereo tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti a che fare con il personale litigioso a Londra e con i produttori di Los Angeles.

Il mio direttore generale non si trovava da nessuna parte, i conti non erano stati pagati e la tensione in ufficio era palpabile.

Per pompare denaro extra nell'attività, ho venduto entrambe le mie auto, ma era troppo tardi e siamo falliti nel marzo 2007, meno di due anni dopo aver fondato l'azienda.

Anche se non mi assolverò da ogni colpa, credo che l'attività sia stata rovinata dalla gelosia distruttiva e dalle lotte interne di uno staff tutto al femminile. Il loro egoismo e le loro insicurezze hanno portato alla fine della mia azienda. Quando avevo bisogno della cosiddetta "Sorellanza", credetemi, semplicemente non c'era.


Samantha Brick: i suoi affari sono stati rovinati dalla gelosia distruttiva e dalle lotte interne di uno staff tutto al femminile

Sienna Miller ha recentemente affermato che la sorellanza non esiste dopo aver ricevuto commenti maligni da altre donne